martedì 23 luglio 2019

Rom: no ai nuovi pogrom. Appello di Alex Zanotelli

Rom. No a nuovi Pogrom

(p. Alex Zanotelli)
Il Ministro Salvini ha emanato il 15 luglio scorso la circolare n.16012/110 avente come oggetto “Insediamenti di comunità Rom, Sinti e Caminanti”. L’oggetto della circolare sono gli “insediamenti abitativi dei rom , sinti e caminanti “e non insediamenti formali o informali abitati da altre etnie. Da questo appare chiaro il carattere discriminatorio e razzista del testo. Altrettanto chiaro appare la finalità della circolare:sgomberi di insediamenti rom attraverso “l’adozione di specifici provvedimenti contingibili e urgenti”. E questo perché i rom costituiscono “pericolo alla salute pubblica “ e “alla sicurezza”. E tutto questo è posto nelle mani dei prefetti. Salvini sta iniziando un’altra guerra contro gli impoveriti, gli ultimi, i Rom . In questa nostra società i Rom sono proprio gli ultimi, i più disprezzati ed emarginati .
“Capro espiatorio da secoli fino allo sterminio nazista- afferma il vescovo di Torino,mons. C. Nosiglia- i rom e i sinti rivelano la disumanità di una convivenza, la nostra, che vuol dirsi civile, ma lascia alla miseria più nera e nell’emarginazione più amara i figli del popolo più giovane d’Europa”.
Sappiamo che il 19 luglio, il Prefetto di Napoli ha convocato i sindaci di Napoli e della città metropolitana a un incontro per rendere operativa la circolare di Salvini.
Noi ci appelliamo sia al Prefetto che ai sindaci perché non procedano né a censimenti né a sgomberi dei campi rom. I censimenti etnici hanno un sapore razzista che hanno portato ai campi di sterminio nazista .Gli sgomberi producono solo disastri umani e civili esemplificati nella tragedia dei rom di Giugliano.
Chiediamo al Prefetto e ai Sindaci di operare con le comunità rom e sinti per superare i campi e andare verso una politica seria di inclusione. Per realizzare questo è opportuno un incontro delle forze sindacali, realtà associative , laiche e religiose, con le autorità preposte per trovare insieme una soluzione alternativa ai rom di questa nostra città di Napoli.
Alex Zanotelli
Napoli, 23 luglio 2019